• SCHEGGE DI VANGELO

Stupore

In quel tempo, [i pastori] andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia. E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro. Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. (Lc 2,16-21) 

In quel tempo, [i pastori] andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia. E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro. Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore. I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto, com’era stato detto loro. Quando furono compiuti gli otto giorni prescritti per la circoncisione, gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall’angelo prima che fosse concepito nel grembo. (Lc 2,16-21)

Tutti sono stupiti per le cose che sentono sul Bambino, i pastori tornano glorificando Dio, Maria custodisce nel suo cuore questi avvenimenti. E noi? Dopo l’intensa celebrazione del Natale, dopo gli auguri con amici e parenti, dopo la breve gita con la fraternità, che cosa portiamo in cuore, che cosa custodiamo per il tempo della vita? Il Figlio di Dio è tra noi, con noi, dono di Dio Padre e di Maria, sua Madre. Vero Dio, vero uomo. Nella nostra vita, una certezza più grande, un’esperienza più garantita. Non siamo buttati allo sbaraglio: siamo amati e accompagnati con amore al nostro destino. Buon Anno!

 

Dona Ora