• SCHEGGE DI VANGELO

L’incontro che cambia

«Oggi per questa casa è venuta la salvezza, perché anch’egli è figlio di Abramo. Il Figlio dell’uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto». Lc 19,1-10

Entrò nella città di Gerico e la stava attraversando, quand’ecco un uomo, di nome Zaccheo, capo dei pubblicani e ricco, cercava di vedere chi era Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, perché era piccolo di statura. Allora corse avanti e, per riuscire a vederlo, salì su un sicomòro, perché doveva passare di là. Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zaccheo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua». Scese in fretta e lo accolse pieno di gioia. Vedendo ciò, tutti mormoravano: «È entrato in casa di un peccatore!». Ma Zaccheo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto». Gesù gli rispose: «Oggi per questa casa è venuta la salvezza, perché anch’egli è figlio di Abramo. Il Figlio dell’uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto». Lc 19,1-10 

Ci sono episodi del Vangelo che, anche a leggerli cento volte, risultano sempre nuovi. Per la loro immediatezza e il loro realismo. Per il rinnovato paragone che suggeriscono con situazioni vitali. Cerchiamo tante strade per cambiare vita. Vorremmo essere capaci di suggerirle a chi ci pare sbandato: un figlio, un amico, un uomo pubblico. Quante volte abbiamo percepito che un incontro decisivo per la nostra vita stava per accadere? Un imprevisto non si può calcolare, ma qualcosa nel cuore attende, si muove, ci pone nell'atteggiamento giusto. E’ l’incontro tra la nostra libertà e Cristo che ci chiama e sorprende il nostro desiderio. Anche oggi possiamo cambiare non facendo leva sui nostri buoni propositi, ma solo guardando il Signore che ci chiama per nome, attraverso le persone e dentro le circostanze che accadono.

Dona Ora